CURA E METODO
FIBROMIALGIA
FIBROMIALGIA
La sindrome fibromialgica è una forma comune di dolore muscoloscheletrico diffuso e di affaticamento (astenia) che colpisce approssimativamente 1.5 – 2 milioni di Italiani. Il termine fibromialgia significa dolore nei muscoli e nelle strutture connettivali fibrose (i legamenti e i tendini). Questa condizione viene definita “sindrome” poiché esistono segni e sintomi clinici che sono contemporaneamente presenti (un segno è ciò che il medico trova nella visita; un sintomo è ciò che il malato riferisce al dottore). La fibromialgia spesso confonde poiché alcuni dei suoi sintomi possono essere riscontrati in altre condizioni cliniche.
Il termine fibrosite era una volta utilizzato per descrivere questa condizione. Il suffisso -ite significa infiammazione- un processo che può determinare dolore, calore, tumefazione e rigidità.I ricercatori hanno evidenziato che l’infiammazione non è una parte significativa di questa sindrome. Il nome fibromialgia o sindrome fibromialgica è pertanto più accurato, ed ha ampiamente rimpiazzato i vecchi termini utilizzati.
La fibromialgia interessa principalmente i muscoli e le loro inserzioni sulle ossa. Sebbene possa assomigliare ad una patologia articolare, non si tratta di artrite e non causa deformità delle strutture articolari. La fibromialgia è in effetti una forma di reumatismo extra-articolare o dei tessuti molli. La sindrome fibromialgica manca di alterazioni di laboratorio. Infatti, la diagnosi dipende principalmente dai sintomi che il paziente riferisce. Alcune persone possono considerare questi sintomi come immaginari o non importanti.

 

Negli ultimi 10 anni, tuttavia, la fibromialgia è stata meglio definita attraverso studi che hanno stabilito le linee guida per la diagnosi. Questi studi hanno dimostrato che certi sintomi, come il dolore muscoloscheletrico diffuso, e la presenza di specifiche aree algogene alla digitopressione (tender points) sono presenti nei pazienti affetti da sindrome fibromialgica e non comunemente nelle persone sane o in pazienti affetti da altre patologie reumatiche dolorose.

Gli indici di infiammazione risultano nella norma. Prevalentemente interessati dal dolore sono: la colonna vertebrale, le spalle, il cingolo pelvico, braccia, polsi, cosce. Al dolore cronico, che si presenta a intervalli si associano spesso disturbi dell’umore e in particolare del sonno, nonché astenia, ovvero affaticamento cronico. Inoltre la non-risposta ai comuni antidolorifici, nonché il carattere “migrante” dei dolori, sono peculiari della fibromialgia. Va segnalato inoltre, come la gran parte dei sintomi è comune ad altre due discusse sindromi imparentate con la fibromialgia: la CFS (Chronic Fatigue Syndrome, cioè sindrome da fatica cronica), e la MCS (o Sindrome da multi-sensibilità chimica).

Come si intuisce, spesso le persone che soffrono di sindrome fibromialgica non riescono a venire a capo della loro sofferenza, e anche i medici brancolano nel buio, tamponando ora un disturbo, ora un altro, senza che il paziente veda un reale miglioramento della sua condizione. Al momento non esistono cure specifiche per la fibromialgia, ma le tecniche di medicina olistica sembrano sortire più effetti della terapia farmacologica. La speranza, in questo caso, è comunque legata alla Ricerca.

 

Criteri per la diagnosi di Fibromialgia

 

1. Storia di dolore diffuso
Dolore nella parte sn e dx del corpo, dolore sopra e sotto la cintura. In aggiunta deve essere presente dolore scheletrico assiale (cervicale, parete toracica ant., dorsale, o lombare)

2. Dolore alla digitopressione in 11 dei 18 tender points

Occipite-bilat., inserzione m.suboccipitale
Cervicale basso-bilat., C5-C7
Trapezio-bilat., centro del bordo sup.
Sovrascapolare-bilat., sopra la spina scapolare vicino il bordo mediale
II costa-bilat., II giunzione costocondrale
Epicondilo lat.-bilat., 2 cm distale
Gluteo- bilat., quadrante sup-ext
Gran Trocantere-bilat., post. alla prominenza
Ginocchio-bilat., mediale vicino rima art.

  • Tender non è “dolente”
  • Il tender point è positivo se la digitopressione evoca dolore
  • Il dolore diffuso deve essere presente da almeno 3 mesi
  • Entrambe i criteri devono essere soddisfatti
  • La presenza di una seconda patologia clinica non esclude la diagnosi di fibromialgia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

chiudi